Mercatino Usato Prenestina

Questa scheda è stata visualizzata 34 volte
Mercatino Usato Prenestina
User Rating: 5 (1 votes)

Il Mercatino usato Prenestina una perla che si rivela prezioso scrigno di tesori da scoprire, da raccontare, da far parlare. non più solo gioielli usati garantiti e a metà prezzo rispetto al loro valore commerciale, ma una vera e propria vetrina di time appeal, un link tra passato e presente che viene interamente visionato da un perito storico antiquario della procura della repubblica di bologna e del tribunale di ferrara. per la prima volta nel mondo del web il mondo dei gioielli usati va oltre ogni garanzia. ogni prezioso usato alla gioielleria la perla viene sottoposto ad un controllo di autenticità ed inserito in una categoria temporale così intesa:  antiquariato/autentico: antecedente al ’45  vintage: dal ’46 all’ ’80 moderno: dall’ ’80 al 2000  contemporaneo:

dal 2000 ad oggi  al valore materico ed emozionale di ciascun gioiello si aggiunge dunque il significato intrinseco di appartenenza certa ad un’epoca, un fascino che non ha eguali per gli amanti della gioielleria del passato. e non è ancora tutto. tra i gioielli usati visionati quelli cui viene riconosciuto un valore storico-artistico di particolare rilievo, vengono corredati da una perizia scritta certificata da parte di un perito del tribunale di ferrara e della procura della repubblica di bologna.

il modo più sicuro e tutelante di acquistare gioielli antichi nel vastissimo universo della gioielleria d’epoca. un’altra mossa della gioielleria la perla per stupire ed elevare una clientela sempre più preparata e selezionata, per sorprendere gli appassionati di settore, certi di poterci proporre come faro illuminante e riferimento certo anche per l’antico. un traguardo a cui abbiamo lavorato per lungo tempo che ad oggi ci qualifica ulteriormente e ci inorgoglisce.  l’arte di adornarsi ha radici profondissime, si tratta di un desiderio ancestrale e addirittura primitivo. da conchiglie, osso e pietre (20000 ac) si passa ai metalli nell’età del bronzo (10000 ac), poi all’età dell’oro (egitto, 5000 ac).

i gioielli seguono tempi, mode ed evoluzioni delle civiltà sia nelle forme (sobrietà e proporzione greca, raffinatezza e splendore ellenistici, simbolismi e classicismi romani e bizantini permeati da influenze orientali ecc) che nelle funzioni. dalla sfera votivo-religiosa e artistica si passa all’ornamento principalmente a scopo politico e di rappresentanza reale, fino al medioevo.  poi, col rinascimento, finalmente l’impulso alla bellezza, alla voglia di vita gioiosa, dà nuova preminenza alla funzione estetica del gioiello.

le botteghe della firenze medicea, le simmetrie barocche, le linee volubili e opulente rococco, il ‘700 col trionfo del diamante, dei fiocchi, dei fuochi d’artificio e il neoclassico successivo, si assaporano nelle strabilianti varietà di gioielli antichi che ancora oggi ci parlano e si raccontano. i gioielli art nouveau, déco e d’epoca oltrepassano i confini aristocratici per dirigere la maestria orafa verso il pubblico molto più vasto della media borghesia. non più solo il brillante primeggia, ma anche nuovi tagli, pietre dure semipreziose importate, perle coltivate appena introdotte

nuovi materiali come il platino e nuove colorazioni dell’oro con l’avvento della galvanotecnica. all’ubriacatura art nouveau, più nota al grande pubblico italiano come stile liberty (1900-1925) tutto curve, fiori, animali smaltati, leggerezza e fantasia si risponde con una dinamica opposta, geometrica, volumetrica, dalle linee scabre e primitive e dai toni intensi e netti: l’art deco (1925-1940).   ecco che con l’affermazione della figura del jewel designer cominciano a delinearsi capitali universali del gioiello come parigi, roma, milano, new york, tokio…

Tel: 0645548090

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*